dreamagichappy
Ieri sono andata a Milano in treno con il mio ragazzo e degli amici.
Sul treno del ritorno, ero seduta che aspettavo che il treno partisse, quando a un certo punto vedo il mio ragazzo fissare due ragazzi fuori dal finestrino, e allora mi affaccio anch’io.
Piangevano tutti e due, e lui aveva un fazzoletto in mano. Era evidente che lui fosse di Milano mentre lei no.
Lei continuava ad accarezzargli le guance e ad asciugargli gli occhi colmi di lacrime e gli sussurrava qualcosa nell’orecchio che penso sia stato ‘sii forte’ ma le si leggeva negli occhi che nemmeno lei riusciva ad esserlo.
A un certo punto lei lo abbraccia, fa due passi indietro e si volta. Lui l’afferra e la stringe a sè. Lei scoppia in lacrime sulla sua spalla. Poi si allontana di nuovo e lui l’afferra un’altra volta.
Lei lo guarda dritto negli occhi, gli sorride, lo bacia forte, lo stringe, si volta a passi svelti e senza voltarsi sale sul treno. Lui a testa bassa si allontana dalla persona che sembrava l’unica potesse amare e un secondo prima che lei sparisse fra la gente, si volta per l’ultima volta.
Credo che sia stata la scena più triste che abbia mai visto e solo in quei 5 minuti sono riuscita a comprendere quanto possa essere difficile sentirsi a casa solo fra le braccia di una persona che si trova lontana da te.